mercoledì 21 settembre 2016

PARAFRASI MOLTI AMADORI LA LOR MALATIA

Anali del sonetto di Giacomo da Lentini "Molti amadori la loro malatia"


   Molti amadori la loro malatia        
        portano in core, che 'n vista non pare;
ed io non posso sì celar la mia,
ch'ella non paia per lo mio penare  

però che so sotto altrui signoria, 
né di meve non ho niente a ffare, 
se non quanto madonna mia voria,
ch'ella mi pote morte e vita dare.

Su' è lo core e suo so tutto quanto;
e chi non ha consiglio da suo core
non vive infra la gente como deve:

cad io non sono mio né più né tanto,
se non quanto madonna è de mi fore 
ed uno poco di spirito è 'n meve.



PARAFRASI

Molti amanti tengono il loro amore 
nel cuore, tanto che non appare alla vista
ma io non riesco a nascondere il mio
perché si manifesta attraverso il mio dolore

poiché sono soggetto all'altrui comando
e non posso affatto disporre di me stesso
se non quanto la mia signora vorrà
visto che ella può darmi la vita e la morte

Suo è il mio cuore e sono suo tutto quanto 
e chi non segue il consiglio (che riceve) dal proprio cuore 
non vive come si deve fra la gente 

perché io non sono mio né più né tanto
se non quando la mia amata è fuori dai miei pensieri
e allora un po' di spirito ritorna in me. 




TEMI PRINCIPALI
Amore che deve essere tenuto nascosto
Amore come malattia
Potere di vita e di morte della donna sull'innamorato 
Annientamento dell'uomo di fronte all'amore


ANALISI

Forma metrica
Si tratta di un sonetto (due quartine, due terzine) in endecasillabi che rimano ABAB, ABAB, CDE, CDE.

Figure retoriche
Metafora= v. 1 "la lor malatia"--> il loro amore. Metafora dell'amore visto come malattia
Enjambement= v. 1 "la loro malatia/portano in core"
Meridionalismo= vv. 6 e 14 "meve" è un meridonalismo comune ricalcato sul latino TIBI, SIBI
Provenzalismo= v. 7 e 13 "madonna"
Iperbole= v. 8 "ch'ella mi pote morte e vita dare"

Commento
Gli amanti tengono la passione nascosta nel loro cuore, ma questo il poeta non riesce a farlo in quanto è completamente dominato dalla sua amata. L'uomo che non segue il proprio cuore vive male fra la gente e lui stesso è totalmente guidato dalla sua signora dall'esterno. Il suo spirito ritorna in lui solo quando riesce a non pensare a lei. 
Questo il riassunto generale dei concetti espressi da Jacopo da Lentini in questo sonetto. 
Nel testo si ritrovano alcuni temi tipici della poesia del '200: l'amore che non può essere rivelato (spesso l'amata era già sposata o promessa o comunque non libera). 
L'amore come malattia, come qualcosa che toglie forze, fiato, parole e ragione.
Il potere assoluto della donna amata nei confronti dell'uomo: un laccio d'amore metaforico che lo tiene bloccato e inerme, che gli toglie la volontà e la forza di fare qualunque altra cosa. 
L'amato che ritorna in sé, che sente riaffiorare un po' di vitalità solo quando riesce a non pensare alla sua amata.
Tutti questi temi anticipano la poesia stilnovistica di Guinizzelli, Cavalcanti e Dante Alighieri. 
Da notare anche il fatto che la donna non compare, se non in modo astratto: non abbiamo una sua descrizione fisica anche solo accennata. E', per così dire, una presenza che appartiene solo al poeta e di cui noi non sappiamo nulla, tranne gli effetti che questa donna produce nell'uomo che la ama. 

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

TEST GRAMMATICA

QUIZ LE CAPITALI EUROPEE

QUIZ I GUERRA MONDIALE

RIPASSA CON I QUIZ

RIPASSA CON I QUIZ
Clicca sull'immagine

ESERCIZI DI INGLESE

QUIZ CAPITALI MONDIALI