venerdì 17 maggio 2013

IL CIBO FRA GLI UMILI DI VERGA


Molto spesso il cibo ha rappresentato uno spunto letterario di grande importanza, anche per i diversi valori culturali, umani e sociali che entrano in gioco nella preparazione del cibo e nella condivisione del desco.    Dalle madelaines di Proust ai manicaretti di Pepe Carvalho, sono molti i romanzi in cui il cibo è fonte di ricordo, condivisione di un rito o simbolo di divario sociale. 
Per quanto riguarda la letteratura italiana, va ricordato sicuramente Verga e le umili tavole che descrive fra le pagine dei suoi libri. Tra i contadini siciliani, e tra i suoi pescatori, sembra non trovar posto ne' raffinatezza ne' lusso. Non ci sono posate d'argento o vassoi colmi di prelibatezze.  
Louis Millet - Uomo con la zappa - 1860-1862
I cibi, di cui lo scrittore catanese racconta, appartengono alla tradizione contadina più povera, dove regnava la semplicità del pane - nero, perché quello bianco stava solo sulle tavole dei ricchi! - delle cipolle e del buon vino. Anche la sontuosa ritualità di cui, quasi negli stessi anni, ci racconta Proust nella sua Rechèrche, sembra essere bandita da questi tavolacci in legno cui siedono, esausti ed affamati, i personaggi del Verga.  
Jeli il pastore (protagonista dell'omonima novella), nei suoi lunghi mesi passati lontano da casa, mangia spesso ghiande arrostite e qualche volta accompagnate da fette di pane ammuffito.  
Il pane, che accompagna la giornata dei vinti, dalla colazione al pasto della sera, ha una valenza quasi sacra, non viene sprecato nemmeno quando sta per andare a male spesso viene consumato da solo, con qualche cipolla oppure, come dice Compare Meno nelle Novelle Rusticane, tuffato dentro a una zuppa profumata di finocchio selvatico. 
E' il pane, quindi, il vero protagonista delle tavole dei vinti: quel pane che riempie la pancia e scaccia la fame, che  sembra essere, per questa gente senza speranza, l'unica vera ragione della fatica e del duro lavoro che caratterizza la loro esistenza. 
Ancora in Nedda, Verga ci presenta un'altro piatto tipico degli umili: la zuppa di fave, messa a cuocere in un pentolone e distribuita con mestolate parsimoniose dalla castalda. 
In Malaria, invece, il cibo diventa ricordo di un'età bella, quando gli affari di famiglia erano prosperi grazie alla vendita delle anguille e ci si poteva sedere a tavola gustando maccheroni e salsiccia. 
Pasta e carne è infatti il menu dei ricchi: ciò di cui si ingozza, ad esempio, Don Gianmaria, il prete dei Malavoglia. Va comunque ricordato che in Verga non si parla di lotta di classe o contrapposizione sociale: l'unica differenza tra padroni e sottoposti sembra risiedere nel colore del pane, bianco per gli uni e nero per gli altri; per il resto le due classi sociali sono parte di un unico destino, sono in fondo tutti sulla stessa barca: i galantuomini non potrebbero fare nulla senza i loro braccianti e viceversa. I due mondi sono dunque profondamente legati e anche a tavola, l'insalata di cipolle dell'arricchito Mastro Don Gesualdo non differisce molto dal povero desco che tocca ad Alfio Mosca. 



12 commenti:

  1. vabbene rosso malpelo?

    RispondiElimina
  2. Ciao, mi dite il periodo esatto in cui è stata scritta l'opera per favore? è urgentissimo

    RispondiElimina
  3. Devo fare un argomento della tesina sul cibo della Sicilia, mi sapete dire se ce qualche cosa sul cibo legato a verga

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ci è ben chiara la domanda...
      Nell'articolo sopra non ci sono sufficienti suggerimenti?
      Facci sapere ok? A presto!

      Elimina
  4. Collegamento expo-italiano e expo-musica?urgente grazie

    RispondiElimina
  5. Io non capisco bene... mi potreste scrivere cosa verga pensa del cibo?

    RispondiElimina
  6. "I cibi, di cui lo scrittore catanese racconta, " è louis o verga?

    RispondiElimina
  7. Salve potreste dirmi e spiegarmi con cosa posso collegare il tema EXPO alimentazione in italiano? E perché

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, anche io sto facendo la tesina expo se mi contatti ci scambiamo le idee;)

      Elimina
  8. Come faccio a contattarti se sei anonimo?

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

TEST GRAMMATICA

QUIZ LE CAPITALI EUROPEE

QUIZ I GUERRA MONDIALE

RIPASSA CON I QUIZ

RIPASSA CON I QUIZ
Clicca sull'immagine

ESERCIZI DI INGLESE

QUIZ CAPITALI MONDIALI