mercoledì 13 marzo 2013

PIRANDELLO IN BREVE - VITA E POETICA


Vita
Nasce a Girgenti (Agrigento) nel 1867, compie studi classici, si laurea a Bonn e diventa professore universitario. 
Nel 1894 sposa Antonietta Portulano con cui ebbe 3 figli. 
Nel 1903, un tracollo finanziario genera in famiglia una crisi profonda, non soltanto economica. La moglie, infatti, inizia a soffrire di disturbi psichici e verrà curata in casa per 15 anni prima di essere affidata ad una casa di cura.
Pirandello naturalmente soffrì per questa situazione, a tal punto da meditare il suicidio. Non lo fece, anzi, decise di “rinascere” affrontando la vita e accettando la realtà per quello che è: un flusso continuo, un cambiamento, una trasformazione inarrestabile che non può essere spiegata in maniera razionale ne' comunicata con le parole. In linea con la sua rinascita e dopo essersi avvicinato a Freud e alla psicologia, Pirandello lascia l'università e si mette a girare l'Europa con una compagnia teatrale da lui fondata.
Nel 1934 gli viene riconosciuto il premio Nobel per la letteratura.
Muore a Roma nel 1936. 

Poetica

Il male di vivere
Tutta la sua produzione letteraria risente di quel male di vivere, così caro agli autori di fine 800/primi 900. Egli era dentro alla crisi di un secolo (il 900) che aveva perduto molte certezze scientifiche (crollo del positivismo) ed era dentro ad una profonda crisi nazionale (l' Italia stava vivendo un difficile momento storico--->età giolittiana, questione meridionale, arretratezza del sud).
Oltre a questa crisi più “esterna” lo accompagna anche una crisi più intima, quella dell'uomo e dell' intellettuale del 900---> un uomo che non sa più chi è, che non si riconosce nel mondo esterno e deve trovare da solo le ragioni e la forza di affermarsi, vivere, esistere. (decadentismo).

La frantumazione dell'io
Questa crisi genera quel relativismo da cui Pirandello trarrà grande ispirazione per le sue opere---> l'uomo e le cose cambiano a seconda di chi le percepisce (dalla sua educazione, dalla provenienza sociale, dall'istruzione, dall'età etc. etc). Quindi l'uomo non è uno solo, ma ha tante forme a seconda di quanti lo percepiscono---> crediamo dunque di essere unici, ma invece siamo tanti (centomila) a seconda di chi ci guarda e finiamo per essere “nessuno”. ---->frantumazione dell'io.

La maschera
Per relazionarsi con la società l'uomo-nessuno è costretto ad indossare una maschera (sia con se' stesso sia con gli altri) che nasconde la sua vera personalità. L'unico modo per sfuggire a questa finzione quotidiana è la follia. 

Il ruolo della follia
La pazzia per Pirandello è liberarsi dalla maschera, toglierla dal volto o non accorgersi di portarla: solo in questo modo l'uomo riuscirà a mostrarsi per quello che veramente è. La follia è lo strumento di contestazione di una vita sociale sostanzialmente finta, fasulla; è l'arma che fa esplodere convenzioni e rituali, riducendoli all'assurdo e rivelandone l'incoscienza e l'inconsistenza.





8 commenti:

  1. Quello che cercavo, concreto ma approfondito nei punti giusti. ✌

    RispondiElimina
  2. Complimenti..il tutto spiegato in poche e semplici parole. GRAZIEE!!

    RispondiElimina
  3. Chiaro e coinciso, ottimo per un ripasso generale fissando le idee!

    RispondiElimina
  4. UAU....Quello che cercavo...a poche ore dall'esameeeee

    RispondiElimina
  5. Davvero molto utile!

    RispondiElimina
  6. utilissimo per fissare i concetti

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

TEST GRAMMATICA

QUIZ LE CAPITALI EUROPEE

QUIZ I GUERRA MONDIALE

RIPASSA CON I QUIZ

RIPASSA CON I QUIZ
Clicca sull'immagine

ESERCIZI DI INGLESE

QUIZ CAPITALI MONDIALI